Nootropi: cosa sono, come iniziare, dove comprarli

Tutti almeno una volta abbiamo provato la sensazione di sentirci geniali, intelligenti. Forse in un momento di fortuna, forse in un momento di lucidità, ma cosa si può fare per essere sempre geniali?

Per avere delle alte prestazioni cognitive, ma anche per diventare più intelligenti, non è necessario aspettare sempre la fortuna, infatti uno dei trend degli studenti oltreoceano è quello di assumere integratori specifici per aumentare la memoria, migliorare la concentrazione e tutta quella gamma di funzioni cognitive che è bene tenere sempre attive, non solo per lo studio ma per la vita di tutti i giorni.

Questi composti vengono definiti “nootropics”, che in italiano si può tradurre con “nootropi” e sono una categoria di erbe, nutraceutici e composti, sia naturali che sintetici, in grado di migliorare le funzioni cognitive, come l’attenzione, la veglia, la concentrazione, la memoria ed anche l’umore.[1]

Caratteristica importante dei nootropi è che essi devono dimostrare di avere una scarsa tossicità, che li renda adeguati per un uso a lungo termine.[1]

L’ascesa dei nootropi è iniziata nel 2012, con l’uscita del film Limitless. Uno squattrinato Eddie Morra, interpretato da Bradley Cooper, dopo aver provato una droga chiama NZT-48 ottiene l’accesso a tutte le capacità del cervello (quella storia che usiamo solo il 10% della nostra mente è una bufala! n.d.r.), con tutti i vantaggi e svantaggi.

Il trend dei nootropi ha subito una spinta dopo l’uscita di Limitless, nel maggio 2012

 

La parola nootropo deriva dal greco, ma la sua invenzione risale al 1976, da parte di un chimico sovietico, il dottore Corneliu Giurgea.[2]
Questa figura è importante nello scenario dei nootropi, in quanto inventore del primo nootropo sintetico, il piracetam.[3]

Corneliu E. Giurgea

Giurgea aveva sintetizzato questa molecola trovando ispirazione nella struttura chimica dell’acido amminobutirico (un neurotrasmettitore umano) e dopo aver utilizzato il piracetam su degli anziani ha potuto riscontrare dei benefici cognitivi nei soggetti.[4]
Il piracetam ha aperto nuove frontiere di ricerca, quindi la sua sintesi può essere considerata l’anno zero nel mondo dei nootropi.
Il contributo di Giurgea è soprattutto ideologico, il nostro scienziato infatti ha stilato una serie di punti fondamentali (I criteri di Giurgea) per classificare una sostanza come nootropica.[5]

I criteri di Giurgea sono cinque e per essere un nootropo, la sostanza:

 

  1. Migliora l’apprendimento e la memoria
  2. Aumenta la resistenza da comportamenti appresi a causa di condizioni di disturbo (ipossia, elettroshock, ecc.)
  3. Protegge il cervello da danni fisici o chimici
  4. Aumenta l’efficacia dei meccanismi di controllo corticali o subcorticali
  5. Tipicamente manca di effetti negativi e possiede bassa tossicità.

Come funzionano i nootropi?

I nootropi hanno meccanismi d’azione diversi tra loro, in genere funzionano modulando il metabolismo neuronale, l’ossigenazione cerebrale, la disponibilità di neurotrasmettitori, l’aumento di fattori neurotrofici e influenzando altri processi cellulari. Essendo i nootropi diversi tra di loro, il funzionamento dipende dal composto.[1]

Percorsi neurochimici del modafinil

Studiare come funzionano i nootropi è essenziale per capire come utilizzarli, è fortemente consigliato di utilizzare strumenti come Google Scholar, Examine.com, che è una consistente raccolta di studi scientifici su tante sostanze (nootropiche e non). Ti consigliamo anche di andare a vedere Wikipedia, e non avere paura a controllare la versione inglese!

 

Quali sono i maggiori nootropi?

La stragrande maggioranza dei nootropi sono stati inventati per essere utilizzati in individui che presentano disturbi. Almeno fino alla scoperta del piracetam.

L’unione sovietica, dopo aver intravisto un potenziale nella scoperta di questa magnifica sostanza nootropica, ha cominciato a investire più risorse nella ricerca. A partire dal nucleo chimico del piracetam sono state compiute tante ricerche, fino a raggiungere la scoperta di tanti suoi analoghi, chiamati racetam.[6]

Quelli più interessanti sono il phenylpiracetam, un racetam che possiede effetti psicostimolatori, e l’aniracetam, che invece detiene effetti ansiolitici,[7] e che in alcune persone è perfino in grado di migliorare la creatività ed il ragionamento.

 

Gli scienziati sovietici hanno trovato molta ispirazione nella creazione di composti che fossero collegati al piracetam; provando a ricreare quest’ultimo unendo due peptidi, prolina e glicina, hanno inventato il noopept, portentoso nootropo, che ha effetti neuroprotettivi molto simili a quelli del piracetam, solo che funziona a dosi molto più basse. Il noopept è uno dei nootropi più solidi, in termini di sicurezza, e usati al mondo, ottimo per i principianti, che possono assumere un nootropo di ottima fattura a prezzi accessibili per tutti.[8]

La ricerca orientale alla fine ha spostato la sua attenzione verso gli effetti che i nootropi possono avere su persone sane. Uno degli ultimi nootropi “vecchia scuola” sintetizzati prima del crollo è il Semax, un altro peptide, studiato a partire da alcuni frammenti di neurotrasmettitori umani, che è considerato tra i nootropi più efficaci, di cui le ricerche sono state condotte su operai sani.[9]

Pubblicità per il Noopept

I nootropi del blocco occidentale non sono moltissimi, ma sicuramente abbiamo una punta di eccellenza, il modafinil.

Il modafinil è stato circondato da tantissimo hype (eccitazione, interesse mediatico): è stato sintetizzato verso la fine degli anni ‘90 in Francia, per aiutare le persone che soffrono di narcolessia, un terribile disturbo che porta le persone ad addormentarsi nelle situazioni più disparate.[10]

Il modafinil, oltre ad avere effetti immediati (acuti), pare sia molto utile su persone sane, tant’è che viene utilizzato da soldati, medici e infine da parecchi studenti che vogliono studiare di più, grazie ai suoi benefici sulla concentrazione, che permette di continuare attività impegnative mentalmente per lunghi periodi di tempo. Il modafinil viene usato anche off-label come aiuto per il deficit di attenzione, e quindi come alternativa a Ritalin e Adderall.[10]

Ci sono tanti altri nootropi molto efficaci, come la Bacopa Monnieri, una pianta che ha effetti sul lungo termine (cronici) sulla memoria. Oltre al beneficio principale sulla memoria, in molti sperimentano benefici sull’ansia.[11]

Non c’è da ignorare la caffeina, il nootropo più utilizzato al mondo, che spesso viene combinata con altri nootropi (il processo di unire più nootropi che hanno una sinergia si chiama “stacking”, e il regime di nootropi viene chiamato “stack”), in primo luogo alla sua controparte, la teanina, un amminoacido che si trova nel tè verde, noto per le sue proprietà rilassanti.[12]

 

Come iniziare con i nootropi

Va chiarita una cosa: i nostri corpi sono unici e complessi. Ognuno di noi ha una biochimica, e quindi una neurochimica differente: questo significa che l’esperienza con i nootropi può essere molto soggettiva.[1]

C’è chi è riuscito a cambiare la sua vita con un nootropo, e c’è chi con lo stesso ha avuto zero benefici. Quando si comincia a prodigarsi all’utilizzo dei nootropi è importante studiarci; ti serve soltanto un motore di ricerca ed internet per apprendere almeno le basi di neuroscienze, fisiologia, ecc. Imparare i rudimenti serve intanto a capire come funziona un nootropo, e poi a capire meglio le tue esigenze.

Assumere nootropi per periodi prolungati può portare allo sviluppo di tolleranza da parte dell’organismo, quindi smetteresti di sentire gli effetti con l’aumento dell’utilizzo. Per invertire la tolleranza si deve sospendere l’utilizzo. Utenti più esperti, utilizzano la memantina, per ristabilire la sensibilità dei recettori alle sostanze.[13]
Alcuni nootropi vanno assunti a cicli, come l’uperzina-A, che va assunta per mesi alterni.

Da tempo il consenso comune vuole che per evitare mal di testa che possono insorgere con l’uso di alcuni nootropi, la supplementazione di colina può supplire a questo inconveniente. Per i mal di testa la centrofenossina sembra essere la migliore.[14]

Illustrazione di Eduardo Cánovas per Tonibral, meglio conosciuto come DMAE

In alcuni studi potresti leggere le parole upregulation e downregulation. Questi fenomeni indicano rispettivamente l’aumento ed il calo della produzione di un componente cellulare (come recettori o neurotrasmettitori).
Non sembra esserci molta letteratura italiana in merito, quindi tienilo a mente.[15]

Comincia a leggere le ricerche su Piracetam, Aniracetam, Modafinil, Phenibut e Bacopa. Sono i nootropi più conosciuti, imparare su di essi ti farà capire cosa succede tipicamente ad una sostanza dentro il tuo organismo.

Le recenti teorie dimostrano come il cervello e le sue funzioni non sono tenute in piedi semplicemente dai neurotrasmettitori.[16] Molto spesso sentirete dire “per la motivazione vanno bene i dopaminergici” o “per la depressioni vai di serotonina”. Queste affermazioni sono troppo semplicistiche.

Tutti i veterani dei nootropics sono aggiornati sulle ultime scoperte in termini di neuroscienze. Ognuna di queste novità ha parecchi risvolti sulla geopolitica del settore.

Ultima cosa non per importanza: acquista un bilancino. Ti sarà utilissimo se i negozi non avranno nootropi già incapsulati, e poi puoi farti degli stack in maniera del tutto personalizzata, cambiando il dosaggio a tuo piacimento.

Dove comprare nootropi in Italia

I nootropi sono tutti diversi, e non tutti hanno le stesse regole. Alcuni di essi li puoi trovare in erboristeria, altri come modafinil, aniracetam e piracetam hanno bisogno di ricetta medica, molti altri non sono completamente commercializzati, come il Noopept o il Phenibut.
Per ovviare a questo problema la soluzione più pratica è acquistare nootropi online.

Molti chiedono se i nootropi siano legali in Italia. Sì, comprare nootropi è legale, solo che in Italia non esistono normative che ne regolino il commercio, quindi è una zona grigia.

I negozi che vi consigliamo sono due:

Per acquistare modafinil senza ricetta o armodafinil online usate afinil.eu. I ragazzi di AfinilEU spediscono dalla Germania con corriere e i pacchi arrivano in genere entro una settimana. I prezzi sono molto competitivi sulla quantità. AfinilEU è nostro affiliato, per ogni acquisto riceviamo una piccola percentuale che ci aiuta a mantenere il blog, acquista dal nostro link: https://afinil.eu/en/?ref=4.

 

Per acquistare tutti gli altri nootropi va bene MindNutrition. Oltre a vendere diversi stack già pronti hanno a disposizione anche nootropi naturali (tra cui la Bacopa) e altri nootropi sintetici, dal noopept fino al PRL-8-53. Anche MindNutrition è nostro affiliato, per questo ti preghiamo di tenere a mente di acquistare da qui: https://store.mindnutrition.com/?affiliates=7155

 

Nootropi per iniziare

I nootropi vengono utilizzati per sfere di interesse. Ci sono quelli per migliorare la motivazione, quelli per migliorare la memoria, quelli per migliorare la concentrazione e così via.

 

Per migliorare le prestazioni mentali in generale:

  • Noopept: il noopept è molto simile al piracetam, solo che necessita di dosi più basse. Il noopept funziona migliorando la sensibilità dei recettori dell’acetilcolina ed aumentando la disponibilità dei fattori neurotrofici.
  • Creatina: questo integratore per sportivi può tornare utile anche agli studenti. Sono consigliati 5g di creatina monoidrato al mattino con tanta acqua.[17]
  • Aniracetam: l’aniracetam ha diversi meccanismi d’azione, ma vanno ancora indagati. Pare che moduli i recettori AMPA, migliora la sensibilità dei recettori ed aumenta il rilascio di neurotrasmettitori. È ansiolitico ed è uno dei nootropi preferiti da molti utenti.

 

Per migliorare la motivazione, la veglia e la concentrazione:

  • Modafinil/Armodafinil: il modafinil agisce modulando i neurotrasmettitori che regolano lo stato di veglia. È in grado di migliorare la concentrazione per lunghi periodi di tempo. Molti riportano benefici diretti sulla motivazione. Il modafinil ed i suoi analoghi rientrano in una categoria di composti promotori della veglia, chiamati eugeroici.
  • Caffeina + Teanina: la caffeina impedisce al cervello di sentire stanchezza, bloccando l’azione dell’adenosina. Combinare la caffeina alla teanina riduce gli effetti collaterali della prima, e grazie ai meccanismi della seconda i benefici generali vengono aumentati.
  • Rhodiola Rosea: il meccanismo d’azione di questo nootropo naturale non è chiarissimo, eppure in molti notano una riduzione della stanchezza fisica e mentale.[18]

 

Per migliorare la memoria:

  • PRL-8-53: questo composto è uno dei più recenti in termini di invenzione, e quindi è pure poco studiato. Nonostante ciò alcuni impavidi hanno sperimentato l’assunzione, riscontrando vasti benefici sulla memoria a breve e a lungo termine.[19]
  • Bacopa Monnieri: questo nootropo ha una storia millenaria di utilizzo nella medicina indiana. Migliora la formazione e la ritenzione di memoria. Ha pure benefici aggiuntivi sull’ansia. Utile per tutti i novizi.
  • Coluracetam: il coluracetam è un racetam. Permette agli enzimi di trasportare più acetilcolina. Molti sperimentano grossi benefici sulla memoria ed anche sulla capacità visiva.[20]

 

Per migliorare l’umore:

  • Phenibut: il phenibut è un tranquillizzante in grado di preservare la cognizione. È attualmente impiegato nella Stazione Spaziale Internazionale in caso di emergenze. Ottimo per migliorare l’umore, e proprio per questo bisogna utilizzarlo con parsimonia per evitare lo sviluppo di una tolleranza e ridurre un eventuale potenziale d’abuso.[21]
  • Tianeptina: la tianeptina è un antidepressivo che modula l’azione del glutammato. Fornisce benefici drastici sull’umore, sulla motivazione ed è neuroprotettiva.[22]
  • Kava Kava: questa pianta ha effetti cronici nell’arco di una settimana, e come il Phenibut modula l’azione del GABA. Alcuni studi hanno rilevato un rischio di epatotossicità, sebbene queste conclusioni non sembrano essere concrete. Molto utilizzato dai neuronauti.[23]
  • Iperico: l’iperico da secoli è considerato un grande miglioratore dell’umore. Studi recenti dimostrano che la sua efficacia è paragonabile a quella dei comuni antidepressivi. Ad ad alte dosi può causare fotosensibilità e non va assunto in contemporanea con altri farmaci.[24]

 

 

Fonti:

  1. https://www.reddit.com/r/nootropics/wiki/beginners
  2. https://www.merriam-webster.com/dictionary/nootropic
  3. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/4736348
  4. https://examine.com/supplements/piracetam/
  5. https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/B9781483283227500194
  6. https://smartdrugsmarts.com/episodes/rita-ostrovskaya-noopept/
  7. https://examine.com/supplements/aniracetam/
  8. https://examine.com/supplements/noopept/
  9. http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/(SICI)1520-6769(199609)19:2%3C115::AID-NRC171%3E3.0.CO;2-B/abstract
  10. https://examine.com/supplements/modafinil/
  11. https://examine.com/supplements/bacopa-monnieri/
  12. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18681988
  13. https://www.khemcorp.com/memantine-experiences-for-drug-tolerance-of-all-kinds/
  14. http://www.bmj.com/content/288/6413/268.short
  15. https://www.medicinapertutti.it/argomento/up-regulation/
  16. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3230505/
  17. https://examine.com/supplements/creatine/
  18. https://examine.com/supplements/rhodiola-rosea/
  19. https://examine.com/supplements/prl-8-53/
  20. https://examine.com/supplements/coluracetam/
  21. https://books.google.it/books?id=ZYqoBgAAQBAJ&pg=PA186&redir_esc=y&hl=it#v=onepage&q&f=false
  22. https://en.wikipedia.org/wiki/Tianeptine
  23. http://nootropicgeek.com/kava-kava-review/
  24. https://examine.com/supplements/hypericum-perforatum/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *